Il tour invernale di Above the Tree

Posted by on Dic 18, 2017 in Uncategorized |

Mentre l’avventura in coppia con Johnny Mox prosegue, ovvero l’incredibile band itinerante e cangiante degli “Stregoni”, Above the tree (Marco Bernacchia) continua anche le sue sperimentazioni da solista con il quale si è fatto conoscere ed ha riscosso apprezzamenti da tutto il mondo della musica indipendente. La sperimentazione di Above the Tree non è solo sonora e musicale, ma si esprime anche attraverso al performance artistica ad ogni sua esibizione. Nessun concerto di Above the Tree è mai uguale all’altro, proprio come succede con gli Stregoni. Solo che in questo caso lui è solo ad esibirsi sul palco, con tutti i suoi strumenti che dispone sempre personalmente in modo tale che possa dare vita a tutte le sonorità che il suo estro musicale possa suggerirgli per quella sera. Da novembre Above the Tree ha dato il via ad un suo nuovo tour, che si è sta muovendo anche oltre i confini nazionali, dove sicuramente la creatività dell’artista è maggiormente apprezzata di quanto non sia in patria, e che terminerà il 24 dicembre, proprio alla vigilia di Natale. Le date che si sono già svolte sono state quelle del 29 novembre, quando Above the Tree ha suonato in Francia, a Caen, presso il cafè Souvage su un piccolo palco raccolto, che ha quasi faticato a contenere tutta la sua strumentazione. Il musicista ha allestito il suo ambiente portandosi dietro anche alcune sue creazioni, tele, pitture, disegni, forse tracciati di memorie da non smarrire. La tappa successiva è stata presso la capitale francese, dove Marco ha suonato il 30 novembre presso “Chair de poule” esibendosi in un acustic showcase, come ha definito lui stesso la sua perfomance. Ancora a Parigi è rimasto il primo giorno del mese di dicembre, suonando all’Espace B. Questa volta gli strumenti sono stati esposti sul palco in un groviglio di fili volutamente caotico, e come al solito Above the Tree ha suonato con il volto coperto, indossando le sue stranianti maschere di cartone. A questo punto il musicista ha abbandonato il suolo francese per volare in Belgio, a Bruxelles, dove ha suonato il 2 dicembre a Sterput. Il tour di Above the Tree è stato studiato affinché in pochissimo tempo egli potesse toccare i suoli nazionali più diversi. Solo un giorno in Belgio per poi andare in Olanda, il 3 dicembre a Dordrecht e il 5 dicembre a Rotterdam. A Dordrecht ha suonato presso il DOOR, e a Rotterdam presso il Worm. Il 6 dicembre si è infine svolta l’ultima tappa non italiana, ancora in Olanda, stavolta ad Amsterdam, presso il De Ruimte. Dopo una piccola pausa di qualche giorno, il “Next tour”, questo il titolo della serie di concerti che sta tenendo Above the Tree, riprenderà il 16 dicembre in Italia. La prima tappa è a Dueville, piccolo comune in provincia di Vicenza; a seguire Marco sarà a Montebelluna, dove si esibirà presso l’OUTSIDE INSIDE studio. Le ultime tappe saranno a Bologna (19 dicembre, Freak Out), Roma (20 dicembre, Fanfulla), Loreto (22 dicembre, Resonanz) e infine concluderà il Next Tour a Senigallia il 24 dicembre presso il locale Factory zero zero. Un percorso circolare il suo, dunque, che da molto lontano lo riporterà alle sue stesse radici (Marco Bernacchia è marchigiano) a dimostrare, come sempre, che la musica è un linguaggio che permette di parlare con tutti e di girare il mondo senza avere bisogno di dire neppure una parola.

Share This

Share this with your friends!