Tafuzzy Days 2017 a Riccione con gli Stregoni

Posted by on Ott 18, 2017 in Uncategorized |

L’estate di Riccione si è chiusa anche quest’anno, come ormai accade da circa 14 anni a questa parte, con una rassegna musicale davvero atipica, nata per gioco e ora diventata punto di riferimento per tutti gli artisti indipendenti del territorio nazionale. Si tratta di “Tafuzzy Days”, che quest’anno si è svolta nell’ultimo fine settimana di agosto, tra venerdì 25 e sabato 26, nella suggestiva location del Castello degli Agolanti. Il Castello fu costruito dalla nobile famiglia che ancora oggi gli dà il nome nel XIII secolo come rocca difensiva; in seguito fu abitato dalla Regina Cristina di Svezia fino ad essere distrutto, nel XVIII secolo, da un terribile terremoto. In seguito però il Castello fu ricostruito e qualche decina di anni fa è diventato proprietà comunale. Il castello degli Agolanti ha accolto molti dei concerti serali del Tafuzzy Days, una manifestazione che ha avuto inizio nel 2003 quando un gruppetto di musicisti del posto si unirono per far sentire la propria musica, rigorosamente fuori dal circuito mainstream. Questi artisti si raccolsero sotto una comune etichetta discografica, la “Tafuzzy” appunto, e se il loro raduno aveva solo un carattere locale alla fine è riuscito ad andare ben oltre i confini di Riccione finendo per richiamare artisti da ogni angolo d’Italia. Anche quest’anno quindi ci sono state tante esibizioni e tante occasioni per ascoltare buona musica, per lo più inedita e originale. Sul palcoscenico di Tafuzzy Days, si capisce, non potevano mancare gli Stregoni capitananti da Johnny Mox e Above the tree. La serata di venerdì 25 agosto è infatti stata incentrata sulle scatenata jam session del gruppo, che si è esibito subito dopo il trio Ricordi?, Regata e Mareina. Anche sul palco del Tafuzzy Days Mox e Above the tree si sono presentati con un gruppetto di giovani migranti che hanno mixato la loro musica con sonorità e suggestioni provenienti da terre lontane e vicine, per dare vita a quella che qualcuno ha definito, in modo azzeccato, la musica dell’Europa del futuro. La serata di venerdì si è poi conclusa all’interno delle mura del Castello con l’esibizione degli HALFALIB e dei TRACIS. La giornata di sabato si è invece aperta con gli HOFAME e i COLOMBRE; due gruppi molto rappresentativi delle sonorità indie italiane. A loro è seguita un’esibizione davvero curiosa, molto legata alle tradizioni del territorio romagnolo ma sempre con un occhio puntato verso il futuro. Gli EXTRALISCIO sono una band formata da tre elementi: Moreno Conficconi detto “il biondo”, Mauro Ferrara e Mirco Mariani, i quali affermano di suonare “punk da balera”. Difatti il loro repertorio attinge a piene mani da quello dell’Orchestra dei Casadei, vero capostipite del liscio e delle serata in balera. Le musiche classiche vengono a volte suonate in modo tradizionale e a volte rivisitate in una vera esplosione di note e musica. A seguire, la chiusura del festival è stata affidata ai SONIC-3 e ai SAN LEO. Nel corso della manifestazione dentro il Castello degli Agolanti è stato offerto anche un servizio di ristorazione da parte dei ragazzi della cooperativa Terre Solidali di Gemmano, a base di prodotti rigorosamente biologici; inoltre è stato possibile visitare le mostre e gli allestimenti artistici che sempre animano la struttura. Anche quest’anno così Riccione si è confermata non solo la capitale del divertimento estivo, ma anche dell’intrattenimento intelligente e avveniristico, strizzando un occhio ad un mondo possibile all’insegna dell’inclusione e della solidarietà con la presenza degli Stregoni.

Share This

Share this with your friends!