La musica che rivoluziona: Centro Studi Libertari di Jesi e Above the tree

Posted by on Dic 18, 2017 in Uncategorized |

Il Centro Studi Libertari di Jesi, cittadina in provincia di Ancona, si trova in via Pastrengo ed è intestato a Luigi Fabbri. Si tratta di un luogo di libero scambio, dove vengono organizzate durante il corso di tutto l’anno tante manifestazioni che di solito partono dai più giovani, dagli studenti, ma non sono pensate solo ed esclusivamente per essi. Il Centro Studi è infatti soprattutto un luogo per la cittadinanza, dove si possa diventare più consapevoli delle problematiche quotidiane e cercare, insieme, di trovare una soluzione. La capacità di assumere un nuovo spirito critico e di diventare nuovamente protagonisti delle nostre città sono due esigenze fortemente sentite soprattutto dai giovani d’oggi, che troppo spesso si vedono messi da parte, considerati non degni di prendere decisioni importanti. Presso il Centro Studi Libertari “Fabbri”, invece, ci si incontra, si discute, e qualche volta si protesta anche. Come ad esempio è accaduto sabato 11 novembre, quando è stata organizzata un’iniziativa musicale con una finalità molto precisa. Da qualche tempo a Jesi si vocifera di un nuovo progetto che dovrebbe riguardare il quartiere San Giuseppe. Il progetto, nello specifico, prevede la costruzione di una torre Erap, una palazzina composta da sette piani che dovrebbe sorgere in via Tessitori. Questa dovrebbe essere un’opera di riqualificazione del quartiere, ma molti cittadini non la pensano esattamente così. Sono numerose, infatti, le associazioni che si sono scagliate contro l’edificazione di questo ennesimo mostro, chiedendo invece una riqualificazione più a misura d’uomo, magari con parchi, panchine e illuminazione pubblica. Tutti questi servizi, infatti, mancano attualmente e se ne sente il bisogno. Per far sentire la propria voce diverse associazioni cittadine hanno così deciso di mettere in atto una sorta di “protesta musicale” del tutto pacifica, durante la quale però si sono sviscerati questi argomenti e si è soprattutto dimostrato che la cittadinanza non resterà inerme a guardare. Il Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri”, insieme al Coordinamento No Torre Erap, al circolo Arci Jesi-Fabriano e al Comitato Parco del Granita, coadiuvato dal gruppo consiliare “Jesi in comune – Laboratorio Sinistra”, dal Meetup “Spazio Libero”, da Libera, presidio di Jesi, e dall’associazione Valvolare, ha dunque dato vita ad un mega concerto dal titolo “Risorgipeppe” che si è svolto sabato 11 novembre presso il Centro Sociale della città a partire dalle ore 23:00. Diversi gruppi di giovani artisti emergenti si sono avvicendati sul palco per cantare la loro rabbia, la loro voglia di una città migliore, il loro desiderio di un futuro più vivibile. Accanto al concerto si sono svolte anche altre manifestazioni, e non è mancato un angolo enogastronomico. Ancora una volta la musica ha dimostrato il suo enorme potenziale rivoluzionario; come sempre si è dimostrata linguaggio universale per permettere il dialogo tra posizioni diverse. Ed in questo contesto non poteva non unirsi la voce di Above the tree, artista eclettico che delle Marche è originario ed è quindi un po’ “tornato a casa”. La sera successiva, domenica 12 novembre, si è infatti esibito sul palco del Centro Studi Libertari “Fabbri” con tutta la sua carica innovativa. Fin dall’inizio della sua carriera, infatti, Above the tree, pseudonimo di Marco Bernacchia, ha sempre cercato di studiare nuove sonorità capaci di trasmettere messaggi innovativi che parlino alla coscienza civica delle persone. Il suo impegno è confermato dall’ultimo progetto nel quale si è impegnato con il collega Johnny Mox, la band di migranti “Stregoni”. A Jesi ha infiammato il palco con le sue sperimentazioni musicali, esibendosi dopo il duo umbro “Malatesta”.

Read More

Il concerto degli Stregoni al Centro Sociale Rivolta di Marghera

Posted by on Nov 13, 2017 in Uncategorized |

Quando si pensa ai centri di accoglienza ciò che viene in mente sono luoghi più simili a prigioni che ad alberghi, o ad una casa. Si tratta spesso, troppo spesso, di luoghi tetri, in cui le persone vengono stipate senza speranza per il futuro, senza personale adeguato che possa seguire i loro percorsi individuali, senza che ognuno di loro venga considerato per quello che è, un essere umano, quanto più come un numero, o un problema burocratico da risolvere (possibilmente rispedendolo a casa propria). Questa, purtroppo, è la norma, e non è possibile negarlo. Però, per fortuna, esistono anche le eccezioni, e una di queste è il CAS Rivolta di Marghera. La gestione qui è stata affidata alla Cooperativa Sociale Caracol, che fin da subito ha propugnato una modalità di conduzione radicalmente diversa da quella che viene solitamente adottata. Indubbio vantaggio per mettere in pratica la loro visione illuminata dell’accoglienza ai migranti è stato il fatto che questo centro di accoglienza è molto piccolo, non ospita che un numero esiguo di persone. Ma questa, secondo la cooperativa, dovrebbe essere la regola. Non è possibile seguire davvero una moltitudine di persone, centinaia o migliaia, se mancano persone adeguatamente preparate che possano davvero stare dietro a tutti. In quei casi si possono garantire solo i servizi basilari (a volte nemmeno quelli) e accade dunque che i migranti finiscano per languire per mesi interi, a volte anni, in una “terra di mezzo” senza possibilità di futuro. Invece, quando il gruppo è fatto di pochi elementi, è davvero possibile creare una comunità, come è accaduto qui, a Marghera, piccolo centro dell’entroterra veneziano. I primi migranti che sono arrivato erano per lo più africani, arrivati dal Mali e alla Nigeria, oltre ad un bengalese. Stanchi di aver passato lunghi mesi senza far nulla, la prima cosa che hanno chiesto è stato di poter cucinare e di potersi, in qualche modo, autogestire. La cooperativa ha accettato, fino ad affidare direttamente a loro i soldi per l’organizzazione della struttura. E, dicono, non se ne sono mai pentiti. Infatti si è riusciti a creare un piccolo modello virtuoso in cui sono i migranti stessi ad essere coinvolti in prima persona nella loro vita quotidiana. Questo non li fa sentire solo degli ospiti in attesa di una sistemazione, ma degli attori principali nella loro storia. Possono decidere quali abiti comprare per se stessi, e la Cooperativa Caracol dice di ritenere che questo sia assolutamente giusto per dare dignità ad una persona. L’atmosfera peculiare che si respira presso il Centro Sociale Rivolta è evidente anche nel modo in cui è stato pensato l’ambiente: gli arredi interni sono stati recuperati da un’installazione artistica in precedenza esposta presso la Biennale. Si tratta del progetto “Building Knowledge” ideato da Anupama Kundoo, architetto indiano che ha messo la sua opera a disposizione della Cooperativa Caracol e dei migranti, che l’hanno usata per riempire gli spazi del centro di accoglienza. Per chi già conosce il progetto Stregoni, un innovativo format musicale ideato e portato avanti da ormai oltre un anno dai musicisti italiani Johnny Mox e Above the tree, è facile comprendere come questo luogo sia diventato il palcoscenico ideale per la band. Stregoni nasce dall’idea che integrazione non è necessariamente necessità di comprendere, ma solo lasciare libertà di espressione, anche musicale. La sera di sabato 28 ottobre 2017 gli Stregoni si sono infatti esibiti proprio al Centro Rivolta, e a seguire hanno partecipato ad una cena autofinanziata e solidale. Per raccontare, ancora una volta, come per essere fratelli non serve essere nati nello stesso Paese.

Read More

Religion Today FilmFestival e gli Stregoni

Posted by on Nov 13, 2017 in Uncategorized |

Anche quest’anno, tra il 13 e il 22 ottobre, si ripeterà a Trento un appuntamento che si tiene ormai da vent’anni, e che infatti, in questo anniversario, ha preso come sottotitolo “Venti anni che hanno cambiato il mondo”. Stiamo parlando del “Religion Today FilmFestival”, una rassegna e un concorso cinematografico che però è molto più di questo, viste le peculiari tematiche che affronta fin dalla sua prima edizione. La religione è il tema più caldo e focale, un tema che troppo spesso è, nella nostra contemporaneità, fonte di conflitto. Viceversa la riflessione che scaturisce da “Religion Today”, che per l’edizione 2017, come sempre, si svolge tra Trento e dintorni, è quella dei dialogo, della necessità di trovare un punto di incontro tra le differenze. Il programma è molto nutrito e ruota attorno ad una selezione di ben 41 film provenienti da 28 Paesi diversi, che sono stati selezionati con difficoltà tra ben 400 candidati e che alla fine vedranno trionfare tre vincitori. Questi film raccontano per lo più storie quotidiane, che si legano alla difficoltà di trovare “casa” in un mondo che si dice interconnesso, dove le distanze sembrano essersi accorciate vista la facilità degli spostamenti e delle comunicazioni, ma che in realtà ha allontanato inesorabilmente e tragicamente le persone tra di loro. Oltre ai film in concorso ne saranno proiettati anche altri 20 che riassumo la storia del festival, e che vedranno tornare a confrontarsi alcuni dei registi che hanno trovato qui il loro trampolino di lancio e oggi sono cineasti affermati. Non mancano poi gli spunti di riflessione, con convegni e incontri che vertono su alcuni temi specificatamente selezionati: ad esempio l’immigrazione, le donne, la guerra. Molti gli ospiti illustri che si confrontano sul palco di Religion Today, dal Cardinale Carlo Maria Martini che presenzia ad una tavola rotonda incentrata sul docu-film di Ermanno Olmi “Vedete, sono uno di voi”, al paroliere e scrittore David Riondino, che intrattiene il suo pubblico sui temi della diversità e dell’accoglienza presentando il film che ha girato a Cuba, “Il papa in versi”. I vari appuntamenti del festival sono stati pensati tanto in orari mattutini, per coinvolgere i giovani e le scolaresche, che in orari pomeridiani, per andare incontro alle esigenze della popolazione più matura. A concludere l’intera assegna e il suo nutrito programma è, il giorno sabato 22 ottobre, la premiazione dei film vincitori, presso la Sala Aurora di Palazzo Trentini. Ma questo appuntamento, che si tiene in mattinata, non è la chiusura definitiva, perchè essa è affidata ad un gruppo d’eccellenza, quello che meglio di ogni altro negli ultimi mesi ha saputo raccontare la nuova realtà interculturale e multirazziale delle città europee. Sono infatti gli “Stregoni” Johnny Mox e Above the Tree a tenere un loro concerto in serata per fare da degna chiusura all’intero festival Religion Today, insieme ai loro ragazzi migranti che esprimono la loro voce con la musica. Il progetto musicale di Stregoni ha ormai toccato varie città italiane ed europee, ma è nato proprio nei centri di accoglienza di Trento e ora sembra una sorta di “incoronazione ufficiale” poter suonare in un ambito tanto prestigioso come il festival Religion Today. Ciò dimostra che quello che da sempre è stato l’obiettivo di Johnny Mox e Above the Tree è stato centrato: hanno creato un linguaggio universale non solo capace di parlare a tante persone di estrazione sociale e culturale diversa, ma anche di esprimersi dai palcoscenici più disparati.

Read More

Share This

Share this with your friends!